Presentazione

Bologna, 30 ottobre 2010

Nel momento in cui ci accingiamo a presentare l’Associazione, che abbiamo costituito, ci sembra doveroso chiarire anzitutto i motivi per i quali abbiamo deciso di promuovere questa nuova iniziativa, che certo non può essere considerata originale, visto che non mancano – nel variegato panorama italiano – associazioni o anche fondazioni con analoghe finalità statutarie, ovvero l’approfondimento di tematiche giuridiche o economiche, connesse al lavoro, nelle sue diverse sfaccettature.

Volendo rispondere in termini sintetici, ma il più possibile esaustivi, alla domanda che sorge spontanea (“perché una nuova associazione?”) ci limiteremo qua a mettere in risalto i due elementi distintivi della neonata associazione.

Il primo riguarda la provenienza professionale dei soci fondatori, tutti dirigenti del Ministero del Lavoro, impegnati sul territorio con funzioni di responsabilità di Direzioni Provinciali o Regionali del Lavoro.

Il che non significa che sia nostra intenzione mettere in piedi l’ennesima associazione di categoria.

Al contrario la “TELA”, per precisa disposizione statutaria, è aperta a chiunque abbia maturato in diversi ambiti (dalle Università, alle Organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro, sino alle istituzioni locali e centrali) esperienze significative riconducibili alla complessa tematica del lavoro.

E tuttavia la nostra provenienza professionale ha una sua valenza, in quanto vuole essere un valore aggiunto, in termini di contributo originale ad un dibattito giuridico, che rischia di essere ingessato dentro un’ottica rigorosamente accademica oppure pesantemente condizionato da logiche di appartenenza politica.

Il nostro primo obiettivo è quello di far sentire la voce di chi opera da anni nel territorio come rappresentante del Ministero del Lavoro, non di rado in realtà tutt’altro che marginali, nel tentativo di contribuire al dibattito con un apporto legato, in particolare, al nostro bagaglio di esperienze professionali, confrontandoci con tutti gli altri operatori che, a vario titolo, interagiscono con il diritto (ed il mercato del lavoro), eventualmente anche attraverso sinergie o forme di collaborazione con altri soggetti.

Il secondo elemento distintivo dell’Associazione consiste, invece, nell’approccio internazionale che, sin dai primi timidi passi, abbiamo deciso di dare alla nostra attività.

Tutti siamo ben consapevoli che uno dei grossi limiti del nostro Paese, e non solo nell’ambito lavoristico in cui operiamo, è costituito proprio dalla scarsa attenzione in concreto (al di là dei richiami generici alla “globalizzazione”) nei confronti della dimensione internazionale che domina ormai, irreversibilmente, l’economia e quindi anche il lavoro.

Il che impedisce, assai spesso, al dibattito in corso nel nostro Paese, su temi fondamentali quali l’evoluzione del lavoro e delle tutele normative o contrattuali, di cogliere sino in fondo la portata di cambiamenti che sono legati in primo luogo proprio alla dimensione internazionale del mercato.

Partendo dalla consapevolezza che certi fenomeni vadano affrontati in concreto in un’ottica che superi la dimensione strettamente nazionale, abbiamo deciso di concentrare la nostra attività, almeno in questa fase iniziale, su tematiche di diritto del lavoro comparato o su istituti normativi comunitari.

In tale prospettiva, nel sito dell’associazione troveranno spazio contributi e documenti di taglio diverso, ma tutti riconducibili a questo approccio, sia che si tatti di studi sulla normativa Europea, sia di contributi concernenti significative esperienze maturate in altri Paesi dell’UE.

Invitiamo tutti coloro che condividono tale scelta a contattarci, inviando messaggi al nostro sito o anche contributi, che saremo ben lieti di pubblicare sul sito.


I SOCI FONDATORI

  • f.to Silvia Campi, ex-Direttore Provinciale del Lavoro di Como
  • f.to Emanuela Cigala, ex-Direttore Regionale del Lavoro del Lazio
  • f.to Mariarosaria Simonelli, Direttore Interregionale del Lavoro di Milano
  • f.to Paolo Vettori, ex-Direttore Regionale del Lavoro della Liguria
  • f.to Paolo Weber, ex-Direttore Provinciale del Lavoro di Milano