2016

24 Giugno 2016

Bye-bye, Britain…

L’Europa reagisce al referendum britannico: “Uno shock. Ma ora Londra via in fretta. E l’accordo di febbraio cessa di esistere”. La prossima settimana vertice tra Renzi, Hollande e la cancelliera. Il presidente della Commissione Juncker: “Dispiaciuto, ma l’Europa non è morta”. Il Papa: “Espressa volontà di un popolo, adesso ci vuole responsabilità”.

bye_bye_britain1La Gran Bretagna è uscita dall’Ue. E l’Europa reagisce, con nettezza e durezza. “L’Unione di 27 stati membri continuerà, ci aspettiamo che il governo del Regno Unito dia effetto alla decisione del popolo britannico al più presto possibile, per quanto doloroso potrà essere il processo”, affermano i presidenti delle istituzioni europee Juncker (Commissione Ue), Tusk (Consiglio Europeo), Schulz (Parlamento Europeo) e Rutte (presidente di turno del Consiglio Ue) in una dichiarazione congiunta. Mentre l’accordo raggiunto dal premier David Cameron con la Ue nel vertice del 19 febbraio scorso con le concessioni per lo statuto speciale del Regno Unito “cessa di esistere”, si legge nel comunicato. Poche ore prima lo stesso presidente del Consiglio europeo Donald Tusk aveva detto che “non ci sarà un vuoto giuridico perché la legislazione Ue continuerà a essere applicata al Regno Unito. E’ un momento politicamente drammatico, ma siamo preparati allo scenario negativo”.

merkel

 

Brano tratto dal sito di Repubblica.it.

Continua la lettura…

Bye-bye, Britain…

Ultimi articoli

2020 12 Dicembre 2020

Dicembre 2020

Appuntamenti dell’Associazione TELA-Lavoro per il mese di dicembre 2020.

2019 26 Ottobre 2019

Ottobre 2019

Appuntamenti dell’Associazione TELA-Lavoro per il mese di ottobre 2019.

2018 8 Febbraio 2018

Febbraio 2018

Appuntamenti dell’Associazione TELA-Lavoro per il mese di febbraio 2018.

2017 3 Ottobre 2017

Salari minimi in Europa – secondo semestre 2017

Nel Diritto del Lavoro, il salario minimo è la più bassa remunerazione o paga oraria, giornaliera o mensile, che in taluni Stati i datori di lavoro devono, per legge, corrispondere ai propri lavoratori dipendenti, ovvero impiegato e operai.

torna all'inizio del contenuto